sabato 18 settembre 2010

'A stella

Oggi questo spazio lo dedico a Bianca, mia nonna.

Da che io ricordi, ha sempre speso il suo tempo migliore al pianoforte o, penna e quadernetto, scrivendo poesie. Col tempo, problemi alla mobilità delle dita, le hanno reso difficoltosa l'esecuzione al piano.

Così adesso passa molto tempo anche risolvendo cruciverba, rebus e altri giochi del genere. Dice che lo fa per tenere la mente sveglia.

Secondo me, è la poesia che le tiene l'anima vibrante.

E d'altra parte la poesia in lei è una conseguenza: è data dalla sua sensibilità, immediatezza, semplicità, profondità. Gioia e nostalgia.

Riporto a memoria la sua prima poesia che imparai molti, molti, anni fa. La recito ogni volta che, di notte, guardo il cielo.
Un paio di suoi libelli li ho qui invece e ne trascriverò qualcuna. Col suo permesso (e il rammarico di quelle escluse).




'A stella (da: 'A stella ed altre poesie" di Bianca Marasco)
'Na stella cchiù lucente 'e 'llate
'aggio guardato 'ncantata,
pareva 'nu faro 'mmiezzo 'o mare.
Chissà che nunn' è mmorta
e manna luce accussì forte.
Nuie nun lassammo niente,
ma si 'o bbene 'ei saputo fà
'nu ricordo lucente restarrà


Vorrei (da Vagabondo pensiero, 2003)

Vorrei narrarti ancora
tante storie,
ma non le sentiresti.
Vorrei parlarti ancora
di sogni, speranze, certezze
ma vagherebbero fra
nuvole dense di gelo.
Mi resta solo negli occhi
il tuo volto e sulle labbra
il tuo nome.

Quel raro fiore (da Vagabondo pensiero, 2003)

Avrei colto quel fiore
tanto raro
dai sfumati colori.
Lo dissetava la rugiada,
i raggi del tiepido sole
lo baciavano
e le farfalle lo sfioravano
col loro volo festoso.
L'abbondante pioggia 
ha incurvato il suo stelo,
ha sparso la carnosa corolla
e le foglie sull'arida terra.
Guardo quel fiore morto
e rimpiango di non averlo colto.

'A luna (da Lo sguardo il cuore i ricordi, 2008)

Oi luna
Si' comme 'na piccirella:
nasce, crisce...
e po' comm 'na vicchiarella
viene a mancà.
Luna chiena
si' 'o sole dint'a notte
'mmiez' 'e stelle.
'E raggie se posano
'n' copp 'e foglie
e ne fanno 'nu ricamo.
Se posano 'n' coppa
all'onne do' mare
e dint' 'o silenzio
me portano
'nu suspiro luntano.

'Na lettera (da Lo sguardo il cuore i ricordi, 2008)

'Na lettera t'avria voluto scrivere
ma nun ce sta 'na via p' 'a fa' arrivà.
Quanrte cose t'avria vuluto di',
quante cose putive vede' e senti'!
Mute restano 'sti penziere mie
dint' 'a 'nu core che nun po' parlà

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Apprezzo molto la tua iniziativa, caro Ghost of the Navigator, per due motivi.
Il primo ha un carattere affettivo, in quanto conosco molto bene l'autrice di questi versi.
Il secondo riguarda la tua scelta, che ribalta un po' la consuetudine; essa, infatti, non è caduta su nomi noti e "di richiamo", ma su una figura anonima, che ha dedicato tutta la vita alla poesia, poesia che appare lineare, di una sincerità disarmante e forse, proprio per questo, meritevole di uno spazio, di una "vetrina", giacché a volte la lirica più alta è rintracciabile nella voce di un'anima semplice e genuina.
Antonio Magliulo

Ghost of the navigator ha detto...

Grazie per il commento.

Un omaggio in questa modesta vetrina, come simbolo di una gratitudine per ciò che non si può restituire. Ero bambino e lei c'era, insieme a mia madre, quando dicevo: non saprò mai scrivere.
E mi pare di averne fatti passi in avanti: il primo è la fiducia di potercela fare.

Nonne così sono poesie anche nei ricordi.