mercoledì 9 ottobre 2013

Infiniti ritorni

Nella polpa sugosa del tuo sesso 
Entra la mia anima 
E tra le pieghe di carne e spirito 
Attraverso il tuo ventre 
Fino alle bianche colline dei seni 
Turgidi di smania e d'amore. 
Dalle piazze dei capezzoli 
Risalgo le vie del petto e del collo 
Fin su invado orecchie occhi naso e bocca 
Dalle labbra alle lingue 
In questo viaggio al contrario 
In questo ritorno a casa.

Poi la solitudine dei corpi 
Non dice ciò che nello spirito è compiuto 
E già domanda infiniti ritorni.

sabato 29 giugno 2013

domenica 5 maggio 2013

Padre

Vorrei poter tirar fuori qualche parola nuova, ma non ci riesco: un fiume intero non passa per un imbuto. Allora riesco a dire addio solo rileggendo qualche parola "vecchia"...
Padre
Bambino ricordo la tua forza
Ora scorgo il tuo amore
Di pura tenerezza.
In me
Nelle mie parole nei miei gesti
Ti riconosco ti vedo
Nei miei modi nei miei pensieri
Ti riscopro
Ed io mi riscopro tuo.
Padre
Quanto mi hai insegnato
Quanto non ho imparato
Quanto mi manca ancora
Per essere un uomo.
[2005] 
ciao papà