domenica 5 maggio 2013

Padre

Vorrei poter tirar fuori qualche parola nuova, ma non ci riesco: un fiume intero non passa per un imbuto. Allora riesco a dire addio solo rileggendo qualche parola "vecchia"...
Padre
Bambino ricordo la tua forza
Ora scorgo il tuo amore
Di pura tenerezza.
In me
Nelle mie parole nei miei gesti
Ti riconosco ti vedo
Nei miei modi nei miei pensieri
Ti riscopro
Ed io mi riscopro tuo.
Padre
Quanto mi hai insegnato
Quanto non ho imparato
Quanto mi manca ancora
Per essere un uomo.
[2005] 
ciao papà


8 commenti:

Ghost of the navigator ha detto...

Visto che non ho parole mie, riporto le parole, bellissime, del fratello:

[…] È stato il padre, l'amico che tutti vorrebbero, ma più di tutto e' stato O' flagell'. Un tornado, un fulmine che lasciava un segno indelebile al suo passaggio, che si fermava un istante per soccorrerti e subito dopo riprendere in un vortice la sua corsa verso una vita ancora da scoprire, da rubare e da comprendere. Non ho mai provato a fermarlo e comunque sarebbe stato inutile, ma come tutti i super eroi era lì quando ti serviva.
[…] Per quanto altruista, generoso, è sempre stato schivo ai sentimenti che pur erano forti e prepotenti, manifestati magari da una smorfia o soltanto da uno sguardo seguiti dal rintanarsi nel suo cantuccio in attesa di scorgere la prossima richiesta di aiuto.
Un uomo che ha vissuto tutti i suoi sentimenti nell'ombra per evitare di creare un solo momento di disagio. Oggi potresti scorgere nei solchi del suo viso le gioie ed i dolori di una vita, ma nei suoi occhi color mare ancora vive quella scintilla pronta a riaccendersi per una nuova avventura, una nuova sfida [...]

Anonimo ha detto...

Non credo ci sia molto da aggiungere a quanto è stato scritto.
Vi sono momenti particolari della nostra vita, in cui una parola, una proposizione o un brano sono testimonianza, sfogo, verità, ovvero l'esatto contrario della retorica o degli interventi di corcostanza.
Il brano qui contenuto ne è la prova, così come i versi del 2005 dedicati al padre, autentici, pieni d'amore e rispetto, ma da cui è assente qualsiasi forma di decorativismo.
Scusate se non aggiungo altro, ma le lacrime m'impediscono di continuare.
Antonio Magliulo

Miryam Marino ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Miryam Marino ha detto...

La tua poesia colpisce per profondità e dolcezza. E' vero che un fiume non passa attraverso un imbuto e che una vita di ricordi non può essere raccontata in nessun capolavoro letterario. E' difficile dire addio ma si può farlo con la sintesi della poesia che consola la nostra tristezza.
un abbraccio affettuoso
miriam

Anonimo ha detto...

La tua poesia colpisce per profondità e dolcezza. E' vero che un imbuto non può far passare un fiume e una vita di ricordi non si può raccontare in nessun capolavoro letterario. E' difficile dire addio ma si può farlo con la sintesi della poesia che consola la nostra tristezza
un abbraccio affettuoso
miriam

Anonimo ha detto...

E' difficile riempire un'assenza con le parole, le tue sono essenziali, è vero, ma universali.
Personalmente ricorderò sempre una persona allegra, divertente, schietta, affettuosa, carnale, presente e discreta.
"...si 'o bbene 'ei saputo fà
'nu ricordo lucente restarrà".
Ciao zio, ci mancherai
Antonella

Anonimo ha detto...

"Grazie Zio"...ricordi quando scherzavamo insieme su questa mia frase?!?!?"Grazie Zio"...
Non è retorica, o una frase di circostanza...
Quando ho saputo che non c'eri più,quel giorno,ti cercavo in casa, tra le foto,negli occhi della gente,nell'immenso amore di Zia Lalla,nelle somiglianze dei tuoi fratelli o dei tuoi figli...nei meravigliosi ricordi di una vita trascorsa insieme!
Non dimenticherò mai ciò che hai fatto per me tutte le volte che non sono stata bene...e non dimenticherò mai quello che io invece non ho potuto fare per te...
Grazie per avermi insegnato a sorridere... ogni volta che la vita non mi ha permesso di farlo...Grazie per avermi insegnato quanto è importante sorridere anche quando la vita sembra che ti vada contro!!
Ti ringrazio per non aver smesso mai di mostrare la tua forza, il tuo amore fino all'ultimo giorno e sono fiera di essere tua nipote!!
Grazie Zio...
Ti voglio un bene infinito
Tua nipote...

Ghost of the navigator ha detto...

Vi ringrazio per questi commenti commossi e partecipati.
Mi scuso per il ritardo con cui vengono pubblicati, dipende da un'impostazione sulla moderazione dei commenti (a Miryam ho eliminato un commento duplicato).